9. Aprile 2020 Oliver Bienkowski

Fondo per difensore della democrazia tailandese

Scegli la tua LINGUA:
Per favore, fai una donazione a paypal@PixelHELPER.tv per ulteriori azioni contro il re

Calcio nudo. Il re thailandese assume il patrocinio per il progetto XXXSoccer di PixelHELPER. Nella prima partita le sue 26 donne dell'harem si sfidano, Rama X. è l'arbitro, le sue due regine sono in porta.
Stiamo ora cercando un campo da calcio, adattando costumi e trasmettendo la partita in live streaming. Sostienici qui:
#Sextourist Embassy Thailand Lightart Projection Thailand
Celebriamo la democrazia in Thailandia il 24 giugno 2020. La band Faiyen ha pronunciato il discorso di dimissioni del re

Ucciso per Rama X.
Alla ricerca della giustizia

I thailandesi in lotta per la democrazia e la libertà di parola stanno sostenendo la Fondazione PixelHELPER internazionale per lanciare una campagna di protesta contro il re Vajiralongkorn della Thailandia, un monarca crudele e violento che, con l'aiuto dei suoi alleati, governa attraverso la paura e l'intimidazione militare.

Il monarca 67enne è diventato re nel 2017, ma trascorre poco tempo in Thailandia. Da diversi anni trascorre la maggior parte del suo tempo nel Grand Hotel Sonnenbichl nella città tedesca di Garmisch-Partenkirchen, insieme a un harem di 20 donne e un entourage di oltre 100 impiegati e funzionari di palazzo.

Molte delle donne nel suo harem e dei suoi servitori sono prigioniere in Germania. Non vogliono servire Vajiralongkorn, ma non hanno scelta. Fonti che lavorano per il re in Baviera affermano che i dipendenti che lo dispiacciono vengono regolarmente picchiati e frustati dagli scagnozzi di Vajiralongkorn come punizione. I colpi sono filmati perché a Vajiralongkorn piace guardare video di chi soffre.

In Tailandia, il re istituì un campo di prigionia e castigo in uno dei suoi palazzi. Funzionari e personale militare possono essere inviati lì per mesi per violazioni minori. Vajiralongkorn ordinò loro di torturarli, picchiarli e maltrattarli.

Almeno tre persone che lavorano per il re sono morte negli ultimi anni. Il palazzo afferma che due di loro si suicidarono e il terzo morì per un'infezione di sangue, ma è risaputo che tutti e tre furono torturati e assassinati.

Dal 2016, nove attivisti democratici thailandesi in cerca di esilio all'estero sono stati assassinati. Ci sono prove schiaccianti che sono stati uccisi dalle agenzie di intelligence tailandesi che hanno seguito le istruzioni di Vajiralongkorn.

Il re è al di sopra della legge in Thailandia e può agire impunemente. La costituzione gli conferisce un potere assoluto e nessuno può presentare accuse civili o penali contro di lui.

È protetto e sostenuto da generali ultra-realisti che guidano le forze armate thailandesi. I militari tailandesi, come la monarchia, sono nemici della democrazia. Nel secolo scorso, l'esercito ha conquistato il potere dodici volte nei colpi di stato militari e interferisce costantemente nella politica. La Tailandia non è mai stata in grado di sviluppare una democrazia sostenibile perché la monarchia e i militari hanno cospirato per minare la politica elettorale. Vajiralongkorn è al comando diretto di un esercito di oltre 50.000 soldati della Guardia Reale in Thailandia per reprimere ogni contraddizione.

Quattro volte nella storia moderna della Thailandia - 1973, 1976, 1992 e 2010 - i militari thailandesi hanno massacrato civili che protestavano per le strade di Bangkok per chiedere la democrazia. L'esercito ha ucciso molti più civili thailandesi di quanti ne abbia mai uccisi soldati stranieri in una vera guerra.

Vajiralongkorn è ora al suo quarto matrimonio. Ha lasciato e umiliato la sua prima moglie poco dopo il loro matrimonio e alla fine ha divorziato da lei. La sua seconda moglie fu bandita dalla Thailandia nel 1996 insieme ai quattro figli della coppia. Ha divorziato dalla sua terza moglie nel 2014, l'ha costretta agli arresti domiciliari e ha avviato una brutale pulizia della sua famiglia. I suoi genitori, tre fratelli, una sorella, suo zio e molti altri parenti furono arrestati.

Vajiralongkorn ha sposato la sua attuale regina un anno fa, ma raramente la vede e preferisce trascorrere la maggior parte del tempo con il suo harem al Grand Hotel Sonnenbichl mentre sua moglie vive in un hotel nella città svizzera di Engelberg.

Vajiralongkorn è il monarca più ricco del mondo con una fortuna personale di oltre 50 miliardi di euro. Ma questa ricchezza non gli basta: ogni anno chiede un importo enorme dal bilancio statale, finanziato dal contribuente thailandese. Quest'anno il re riceverà più di 815 milioni di euro dal budget thailandese.

La gente comune è disperata e affamata mentre la pandemia di Covid-19 spazza la Thailandia e il mondo, mentre il re del Grand Hotel Sonnenbichl vive nel lusso, spreca enormi quantità di denaro dei contribuenti e abusa del suo harem e dei suoi servi. I dipendenti che vengono picchiati e maltrattati non osano contattare la polizia tedesca perché temono che le loro famiglie possano essere vendicate in Tailandia.

Molti thailandesi sono consapevoli dei crimini e della crudeltà del loro re, ma le loro voci sono messe a tacere dalle leggi draconiane. Chiunque critica la monarchia è in prigione anni fa.

Non sono solo i thailandesi a soffrire del re Vajiralongkorn. Inoltre grava sui contribuenti tedeschi perché lo stato deve pagare per lui per sicurezza e protezione. Commette violazioni dei diritti umani sul suolo tedesco: traffico e abuso di donne e brutalizzazione dei suoi servi, che tratta come schiavi. I tedeschi non dovrebbero tollerarlo nel loro paese.

Pertanto, attivisti democratici tailandesi supportano la Fondazione PixelHELPER per adottare misure insieme.

Vogliamo che il mondo venga a conoscenza della corruzione e della crudeltà di Vajiralongkorn.

Vogliamo che smetta di torturare i thailandesi.

Vogliamo che la Germania lo espellesse perché ha violato diverse leggi.

Vogliamo che sia processato in Tailandia per i suoi crimini.

E non finiremo la nostra campagna finché non verrà mandato a casa per affrontare la giustizia.

Se ci supportate, vi preghiamo di inviarci un messaggio e donare a PixelHELPER sul nostro sito Web: https://pixelhelper.org/it/hilfe/

Insieme possiamo porre fine al regno della paura di Vajiralongkorn e portare la vera democrazia in Thailandia.